BASTONCINI DA TREKKING: 6 MOTIVI PER USARLI

Nell’equipaggiamento del perfetto camminatore non possono di certo mancare i bastoncini da trekking.

In alluminio o in carbonio, i bastoncini sono estremamente leggeri e maneggevoli e sono utili sia dal punto di vista fisiologico che pratico.

6 motivi per usare i bastoncini da trekking

Utilizzare i bastoncini non può che giovare all’esperienza di trekking e alla salute, dal punto di vista della SICUREZZA, dello SCARICO DEL PESO e dell’EFFICIENZA.

  • MAGGIORE EQUILIBRIO E STABILITA’, soprattutto in fase di discesa, purché utilizzati in coppia per non sbilanciare la colonna vertebrale.
  • AUMENTO DELLA FREQUENZA CARDIACA del 16 % e quindi del consumo di calorie del 20-25%
  • RIDUZIONE DELLO STRESS DELLE ARTICOLAZIONI dell’anca, del ginocchio e della caviglia
  • SCARICO DEL PESO dagli arti inferiori a quelli superiori del 30% durante la marcia. Durante una marcia di 8 ore sono scaricate circa 250 tonnellate (circa 7kg per ogni passo). Specialmente se portiamo uno zaino pesante, è un bel risparmio di energia.
  • AUMENTO DEL MOVIMENTO E DEL TONO MUSCOLARE degli arti superiori, che altrimenti non vengono coinvolti
  • AUMENTO CAPACITA’ POLMONARE grazie al movimento delle braccia che facilita la respirazione
trekking_on_craters

I bastoncini presentano alcuni svantaggi, facilmente risolvibili prestando attenzione.

In particolare:

  • MANI OCCUPATE, in certi percorsi potrebbe essere utile aiutarsi con le mani piuttosto che con i bastoni. In questo caso, o se il terreno è particolarmente impegnativo, i bastoncini non devono essere utilizzati e vanno richiusi e riposti nello zaino. In caso di discese su terreno sconnesso, il bastoncino potrebbe rimanere incastrato tra i sassi provocando la caduta o rendendo difficoltoso rialzarsi.
  • PERICOLO DI INCIAMPARE NEI BASTONI
  • PERICOLO DI FERIRE UN COMPAGNO VICINO
  • FASTIDIO PROVOCATO DAL TICCHETTIO DELLA PUNTA SUL SUOLO O SULLE PIETRE
  • SE NON REGOLATI BENE, PROVOCANO PIU’ DANNO CHE BENEFICIO sia alla schiena che alle articolazioni e dal punto di vista dello sforzo

trekking_sticks

L’utilizzo dei bastoncini da trekking è abbastanza semplice. Infatti seguono il movimento naturale dei passi, oppure in base al terreno è possibile muoverli contemporaneamente nella stessa direzione e usarli come appoggio per superare un punto o un ostacolo. Importante che durante la marcia, la punta si mantenga sempre accanto al piede.

Regolare la lunghezza dei bastoncini da trekking:

L’avambraccio deve formare un angolo di 90 gradi con il corpo. Quando ci accingiamo ad effettuare una salita, il bastoncino va accorciato. In discesa ovviamente andrà allungato.

Un’altra cosa da considerare è l’impugnatura, che può essere in gomma, sughero, schiuma o plastica purché sia ergonomica. Può avere una forma retta, a T (adatto per il passeggio) e ad angolo positivo di 15 gradi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

*
*